Forfora: quali sono le cause?

La forfora, che la Mayo Clinic descrive come la desquamazione della pelle sul cuoio capelluto , può essere incredibilmente frustrante da gestire. Secondo la Mayo Clinic, una varietà di fattori può causare la forfora, tra cui la sensibilità ai prodotti per la cura dei capelli, lo shampoo insufficiente, lo shampoo troppo spesso, la crescita di funghi, il cuoio capelluto irritato e oleoso e la pelle secca.

Forfora contro cuoio capelluto secco

Sebbene possano sembrare incredibilmente simili, la forfora e il cuoio capelluto secco non sono la stessa cosa. Il tuo cuoio capelluto, proprio come la tua pelle, può essere secco senza che ci siano scaglie. Secondo l’ American Academy of Dermatology (AAD) , il cuoio capelluto secco si verifica quando la pelle perde troppa acqua a causa dei danni del sole, dei prodotti per capelli che si spogliano intensamente, della bassa umidità e dei climi freddi. Sebbene differiscano, un cuoio capelluto secco può trasformarsi in forfora. Se noti che il cuoio capelluto si secca, puoi comunque seguire i suggerimenti che condividiamo per gestire la forfora.

Leggi anche Carbone attivo: che cos’è e quali sono i benefici?

Come gestire

Se sei preoccupato di avere la forfora a causa della crescita o dell’irritazione dei funghi, o stai riscontrando chiazze di scolorimento o infiammazione, consulta il tuo dermatologo. Altrimenti, prova il seguente suggerimento su come gestire la forfora.

Lavare con uno shampoo che ha benefici antiforfora

Quando si tratta di gestire la forfora, i prodotti giusti e la routine per la cura dei capelli possono fare la differenza. Detox Shampoo è formulato per dare al cuoio capelluto una corretta disintossicazione. Questa formula ricca e cremosa purifica e deterge in profondità il cuoio capelluto senza strappare i capelli. Aiuta anche a prevenire la desquamazione del cuoio capelluto e il prurito associato. Per non parlare del fatto che è privo di coloranti, parabeni e solfati, vegano e sicuro per i capelli colorati.

Fonte parziale della notizia

tags:
What do you think?